web analytics

Vi presento Lucy. Un perfetto connubio tra vita sedentaria e vita on the road.

0

A dire il vero, la nascita di Lucy è già avvenuta circa un anno e mezzo fa, nel luglio del 2007; ma in fondo, se si vuole non è mai troppo tardi per le presentazioni. Lucy è un camper domotico, ovvero dotato dei più moderni e innovatiti sistemi d’automazione utilizzati in ambito domestico e non solo.

Presentato a Pisa nell’ambito del progetto Equal Sodo (Struttura Operativa per la domotica), allora finanziato con un milione e 200mila euro dal Fondo Sociale Europeo, dal Ministero del Lavoro e dalla Regione Toscana, quasi due anni or sono, Lucy è il tipico esempio di come si possano coniugare mobilità e comfort.

 

Il camper, emblema della vita on the road e un po’ nomade, se non mezzo che contraddistingue un modo ben preciso di viaggiare, è stato finalmente dotato di tutte quelle comodità tipiche del sedentarismo e della vita stanziale, ivi compresa la tecnologia. Realizzato dal team d’ingegneri dell’Istituto di Scienza e tecnologie dell’Informazione “Alessandro Faedo” del Cnr di Pisa (Isti-Cnr), Lucy è una moderna casa viaggiante che consente di adattare ritmi e desideri di vita ai tempi imposti dalla società moderna portandosi dietro un pezzo di casa e vita, e senza, per questo, rinunciare alle comodità.

 

Inoltre Lucy, in quanto sintesi perfetta delle migliori tecnologie domestiche presenti sul mercato, fa, infatti, tutto da sola: chiude le finestre se piove o si alza il vento, abbassa le tende, quando c’è il sole, stacca il gas se ci siamo dimenticati il fornello acceso e risponde a tutti nostri i comandi, siano essi vocali, oculari o innescati da movimenti muscolari volontari.

 

Ma Lucy non è solo questo. Al momento del suo battesimo, avvenuto in data 6 luglio 2007 nell’Area della ricerca Cnr di Pisa in occasione del convegno L’innovazione tecnologica come volano dello sviluppo locale, Giuseppe Fusco, ricercatore dell’Isti-Cnr ha messo in evidenza che “Lucy, infatti, non è solo una suggestiva dimostrazione dei benefici delle installazioni domotiche applicate a tutta l’impiantistica domestica (illuminazione, riscaldamento, sicurezza, intrattenimento)”, tant’è che “Il camper si caratterizza anche per il bassissimo impatto ambientale (che ne garantisce l’autosufficienza energetica) e per l’essere totalmente a misura di anziani e disabili”. Ciò che consente a Lucy di essere totalmente rispettoso dell’ambiente, oltre a un’interfaccia di sistemi integrati tra loro, sono una serie di pannelli solari installati sul tetto che provvedono al fabbisogno energetico e che lo rendono così totalmente autosufficiente.

 

La casa viaggiante in questione ha, fin dal suo concepimento, avuto come obiettivo quello di rendere alla portata degli utenti i vantaggi della scienza applicata alla vita quotidiana e domestica, misurabili in termini di sicurezza, comfort, benessere e risparmio. Non solo una casa su quattro ruote dunque, ma anche uno strano incrocio di comfort, tecnologia e lusso. Proprio in fatto di lusso, Lucy raccoglie un’importante eredità: quella fino a ieri riservata alle imbarcazioni di superlusso, dove peraltro la domotica è uno status symbol.

 

M. Flaminia Attanasio

 

 

 

Per maggiori informazioni:

Link al sito dell’ Istituto “Alessandro Faedo”

 

Print Friendly


Share.

Comments are closed.